COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

Alcol, rumori notturni, sicurezza stradale e locali: l’assessore Fernando Montesoro torna sull’argomento

La vicenda che ha portato alla chiusura temporanea di un locale montelupino perché una ragazza si è sentita male dopo aver assunto dosi eccessive di aclol ha riaperto il dibattito sulla gestione dei locali notturni, sull’attenzione all’abuso di alcol e alla somministrazione a ragazzi minorenni.

Da un lato è importante agire sull’educazione e sulla prevenzione nei confronti dei ragazzi, dall’altro ritengo che la società civile abbia il dovere di intervenire per regolamentare la situazione; è fondamentale in questo senso la collaborazione fra le pubbliche amministrazioni, gli esercenti e rappresentanti di categoria.

In merito alla somministrazione dell’alcol ci sono alcuni passaggi dell’intervento di Franco Brogi di Confersercenti sulla stampa che mi hanno lasciato perplesso. Concordo sul fatto che le campagne che scontano progressivamente le bevute siano scorrette, ma dissento quando si dice che i cocktail non fanno male e che i barman non possono chiedere il documento ai clienti.

L’alcol soprattutto nei ragazzi ha effetti dannosi, anche in termini di assuefazione e la legge obbliga chi somministra le bevute a verificare l’età.

Detto questo ho apprezzato la disponibilità di alcuni gestori di locali a cercare soluzioni assieme all’amministrazione affinché si promuovano politiche concrete di sensibilizzazione e di controllo.

Purtroppo non tutti condividono lo stesso atteggiamento e si dimostrano sordi nei confronti delle lamentele dei cittadini e degli interventi dei soggetti di pubblica sicurezza. Fino ad oggi gli strumenti a nostra disposizione erano limitati, da qualche giorno la magistratura ha aperto uno spiraglio.

A Firenze è stata disposta la chiusura anticipata della Libreria della Citè a fronte di numerose denuncie per rumori notturni da parte dei residenti. Credo che un intervento analogo potrebbe essere sollecitato per un locale di Montelupo, nei confronti del quale numerosi cittadini hanno sollevato lamentele.

Prevenzione e sicurezza si ottengono anche grazie al controllo della viabilità e soprattutto disincentivando comportamenti a rischio.

Per questa ragione sono iniziati servizi da parte della Polizia Municipale di controllo della velocità con il telelaser.

L’intervento in due sole zone del territorio ha portato all’accertamento di 52 violazioni, di cui a 32  a Camaioni e 20 a Sammontana. In una zona urbana in cui il limite è di 50 Km/h sono state fermate persone che procedevano anche a 100 km/h.

Servizi di questo tipo saranno replicati anche nei prossimi giorni in altre zone del territorio.



Foto & video