COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

 Una sezione dedicata a tutti gli approfondimenti

banner monteloop per sito Pronti a recensire? Scoprite come

Rientrano nelle loro abitazioni le famiglie evacuate a seguito del crollo del muro di via Marconi

Si è conclusa la fase di consolidamento del versante e da domani mercoledì 26 febbraio finalmente i cittadini potranno tornare a casa

12 cittadini, 6 nuclei familiari: dal 10 dicembre 2019 sono fuori dalle loro abitazioni per motivi di sicurezza, a seguito del crollo del muro in via Marconi.

L’amministrazione comunale si è fatta carico della sistemazione di tutti i nuclei in questi mesi e ha cercato di velocizzare per quanto possibile le operazioni di ripristino.

Lo stanziamento regionale di 520.000 euro ha reso possibile l’avvio dei lavori con la procedura di somma urgenza.

La messa in sicurezza dell’area, iniziata intorno alla metà di gennaio, prevede una tecnica chiamata “Soil Nailing” cioè la collocazione sul versante di una rete chiodata, oltre alla realizzazione di un muro di 4,5 metri, alto come la porzione in pietra che gli sta accanto.

Inoltre sarà consolidata la porzione di muro che non è crollato e su cui è rimasto parte dell’opera realizzata dall’artista Ligama.

Infine è previsto lo smantellamento dei gabbioni metallici attualmente presenti nella parte alta del versante.

Il progetto è stato pensato in modo tale che il versante possa sopportare elevate quantità di infiltrazioni di acqua e movimenti sismici anche di forte intensità.

Ad oggi è stata completata l’attività di consolidamento con la rete chiodata; inoltre monitoraggio del georadar messo a disposizione dell’Università di Firenze non ha evidenziato particolari scostamenti del terreno.

Questi due elementi hanno indotto l’amministrazione comunale a ritenere che non sussistessero più le condizioni di rischio alla base delle quali c’era l’ordinanza che impediva ai cittadini di entrare nelle loro abitazioni.

«Immagino che per tutte le 12 persone coinvolte il periodo fra dicembre e febbraio sia parso infinito. Abbiamo fatto il possibile per ridurre i tempi e intervenire quanto prima.

Poco più di due mesi, non solo è congruo, di più per rispondere ad una situazione del tutto inattesa come il crollo del muro di via Marconi sono un tempo più che congruo. Abbiamo potuto dare una riposta tempestiva grazie all’impegno della struttura comunale e soprattutto al sostegno della Regione Toscana. Io stesso ho tenuto costanti rapporti con i cittadini coinvolti per tenerli aggiornati sull’andamento dei lavori che proseguiranno per le prossime settimane; tuttavia l’opera di consolidamento del versante è stata completata», afferma il sindaco Paolo Masetti.



Foto & video