COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

connetiamo2SERVIZIO CIVILE A MONTELUPO: Scopri come diventare volontario. Domanda prorogata fino al 28 giugno

banner sitoScopri il programma

Quando due calci a un pallone scatenano un dibattito

Dal comune l’idea di coinvolgere i più giovani attraverso il Consilio Comunale dei Ragazzi

Giocare in piazza dell’Unione Europea: si o no? Una polemica che la scorsa settimana ha infiammato gli animi dei cittadini di Montelupo.

Da un lato le ragioni di chi in quella piazza ci vive, ci trascorre del tempo, ha un’attività commerciale e dall’altro quelle dei ragazzi che in quel luogo trascorrono buona parte della loro giornata tirando due calci ad un pallone.

È una storia vecchia, che fa tornare in mente certe scene di film quando per un vetro rotto poteva nascere una vera e propria rissa.

Ridurre, tuttavia la questione, a chi a ragione o torto è una semplificazione che rischia di non produrre i risultati.

È certamente più utile forse porre la questione in termini di educazione al rispetto delle regole e, soprattutto, degli spazi pubblici. Ciò non vuole sicuramente dire spingere i ragazzi a rimanere chiusi nelle loro stanze, davanti a un computer. Vuol dire coinvolgerli nella progettazione e nella riflessione sul futuro della città.

«Da anni il Consiglio Comunale dei Ragazzi e il Centro Giovani catalizzano l’attenzione degli adolescenti e, anche grazie, ad un buon lavoro portato avanti con la scuola siamo intervenuti su temi importanti: la sicurezza, la gestione degli spazi verdi, i luoghi di ritrovo….La vicenda relativa a Piazza dell’Unione Europea induce sicuramente a una riflessione. Un ente pubblico non può e non deve limitarsi a porre un divieto, ma magari a far capire il senso di quel divieto», afferma l’assessore alle politiche giovanili, Simone Londi.

Ecco dunque che da settembre, quando riprenderanno le attività del Consiglio Comunale dei Ragazzi, si lavorerà proprio su questo tema: individuare gli spazi per i ragazzi, per il gioco e il tempo libero e dall’altro realizzare assieme a loro una segnaletica che indichi quali sono i luoghi in cui poter giocare a pallone e quelli in cui è necessario tenere comportamenti diversi, nel rispetto di altre persone.

Una prima analisi in questo senso è già stata fatta con il progetto UPLOAD, un’indagine informale sui giovani di Montelupo, realizzata per capire le loro necessità, i loro bisogni e anche le loro abitudini e finalizzata a progettare le attività future.

Una delle domande che è stata posta è proprio relativa ai luoghi di aggregazione, nello specifico si chiedeva “Se tu dovessi "salvare" uno spazio di Montelupo, un parco, una piazza, una strada quale salveresti?”

Ecco le risposte in ordine di preferenza:

piazza 8 marzo ’44, Mmab, Parco Ambrogiana - ”le torrette”, Pescaia sulla Pesa, piazza Unione Europea, centro storico, comprensorio scolastico, centro commerciale, giardini Bucaire, cinema, campetto samminiatello, piazza Don Morara a Fibbiana, piazza San Rocco, zona sportiva Fibbiana, piazza Castellani a Fibbiana.

 



Foto & video