COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

 Una sezione dedicata a tutti gli approfondimenti

banner monteloop per sito Pronti a recensire? Scoprite come

Bilancio 2016: imposte e tariffe rimangono invariate e viene abolito il tributo sulla prima casa. Diminuisce la pressione fiscale per i cittadini

Nuove risorse grazie a progettualità e fundraising. Una modalità che negli anni ha permesso di attrarre risorse cospicue a Montelupo e di realizzare opere importanti. Investimenti in recupero degli edifici del centro storico, in sicurezza stradale e nella realizzazione del nuovo lotto della scuola Margherita Hack.

CONSULTA IL BILANCIO 2016

Il Bilancio del 2016 del comune di Montelupo Fiorentino è solido e pone le basi per investimenti importanti negli anni a venire. Tutto questo senza gravare ulteriormente sui cittadini.

«Approviamo il bilancio preventivo 2016/2018 a marzo, con minore ritardo rispetto agli esercizi  precedenti, mettendo così in grado l'amministrazione di migliorare le proprie prestazioni. Inoltre per la prima volta dopo molti anni, il Governo non ha imposto ai Comuni tagli lineari, li ha liberati dai vincoli del patto di stabilità interno, e ha prefigurato con anticipo un quadro tributario chiaro che ci ha consentito di lavorare serenamente, mantenendo invariata la pressione fiscale,  anzi diminuendola grazie all'importantissima soppressione della TASI sulla prima casa», afferma l’assessore alle politiche finanziarie, Lorenzo Nesi.

La solidità del bilancio 2016 è testimoniata anche dalla scelta dell’amministrazione di accantonare una cifra cospicua, in percentuale molto più alta da quanto previsto dalla Legge, per creare un fondo di riserva che dovrà essere utilizzato per compensare eventuali mancate entrate da riscossioni e quindi salvaguardare l’equilibrio di bilancio.

È da rilevare che quest’anno aumentano le previsioni di entrate per tre distinte ragioni:
1.    è previsto un incremento delle entrate collegate agli oneri urbanistici;
2.    sono incrementanti gli introiti derivanti dalle multe;
3.    l’amministrazione ha presentato importanti progetti di riqualificazione della città a bandi pubblici regionali e statali.

Tutte queste risorse saranno finalizzate alla realizzazione di opere per la città.

Aumentano le entrate attese da oneri d’urbanizzazione; è il segno di un’economia che lentamente sta ripartendo. Fino al 2011 le risorse derivanti dagli oneri sono state una voce importante del bilancio comunale; poi per alcuni anni abbiamo assistito ad un brusco calo, segno di un rallentamento del settore edilizio.
Nel 2016 per la prima volta questa voce torna a crescere. Nei prossimi mesi partiranno interventi importanti, anche per il territorio stesso, che porteranno nelle casse comunali 150.000,00 euro in più rispetto al passato.

Sicurezza stradale. Da tempo l’amministrazione comunale sostiene che sarà possibile eliminare il misuratore di velocità, collocato all’incrocio fra la Statale 67 e via Primo Maggio, solamente se sarà possibile realizzare due nuove rotonde in quel tratto di strada.
Il bilancio 2016 prevede la realizzazione di due rotonde, una con introiti derivanti dalle multe e l’altra nell’ambito del progetto di recupero da parte di privati del complesso ex Tonio, all’asta  il prossimo 5 aprile.

Progettazione e fundraising. Il Museo della ceramica, i percorsi per non vedenti al MMAB, parte della scuola Margherita Hack e ancora, il contributo al piano di protezione civile dell’Unione, il recupero di alcune aree a verde, l’efficentamento energetico e il rifacimento delle fognature nella zona industriale de Le Pratella, le piste ciclabili: sono solo alcuni degli interventi realizzati negli ultimi anni grazie a una capillare attività di ricerca fondi e presentando progetti a bandi regionali, nazionali ed europei.

«La nostra visione della città è chiara e unitaria anche se inevitabilmente composta da tanti tasselli, alcuni dei quali posti al di fuori dello strumento di bilancio. Il recupero civico del complesso mediceo dell'Ambrogiana, il nuovo ponte sull'Arno, la rigenerazione urbana dell'area Colorobbia di via Gramsci ne sono esempi. Questi, uniti al completamento della scuola nel parco, al recupero delle ex ceramiche Fanciullacci, all'impegno culturale nelle iniziative di respiro internazionale della Fondazione del Museo, disegnano una Montelupo nuova, dove sarà ancora più bello vivere e fare impresa », prosegue Nesi.

Nel 2016 le opere per cui sono stati presentati progetti sono le seguenti:

1.    Realizzazione del secondo lotto della scuola Margherita Hack per 2.850.000 euro
2.    Piano di riqualficazione urbana che ruota intorno al recupero della ex Fanciullacci, di viale Umberto I e della stazione ferroviaria, con un progetto che guarda anche alla valorizzazione culturale e sociale del territorio, per complessivi 7.000.000 di euro
3.    Ulteriore abbattimento delle barriere architettoniche al MMAB per 16.000 euro.

A questi si aggiungono poi i progetti che a breve saranno presentati nell’ambito del Piano Integrato della cultura e che riguardano la biblioteca e il Museo.

Per quanto concerne i servizi è da evidenziare la particolare attenzione nel mantenerne invariata la qualità e anche i bisogni a cui si riesce a rispondere.

Nel 2016 sarà posta un’attenzione in più alle politiche giovanili.
In collaborazione con l’associazione l’Ottavonano e la Cooperativa Indaco è stato attivato il progetto UpLoad di monitoraggio delle abitudini e di coinvolgimento dei ragazzi del territorio; un progetto che ha stretti legami anche con le attività del centro giovani e del consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze. Tutto ciò con l’obiettivo di ridurre il disagio e soprattutto di offrire modelli positivi ai giovani di Montelupo.

Nella stessa direzione guardano anche l’attivazione di tirocini formativi con le scuole superiori e l’università, così come l’attivazione di progetti di Servizio Civile e di volontariato civico.

 



Foto & video