COOKIE

Il nostro sito utilizza dei cookies, ovvero piccoli file che durante la navigazione il tuo computer scarica da ogni sito web e che servono per migliorare delle funzionalità di autenticazione e navigazione .

connetiamo2SERVIZIO CIVILE A MONTELUPO: Scopri come diventare volontario. Domanda prorogata fino al 28 giugno

banner sitoScopri il programma

Pulizia delle caditoie e taglio di alberi e rami pericolanti

Un’attività continua per ridurre il rischio collegato agli eventi metereologici

I fenomeni metereologici negli ultimi anni sono diventati più imprevedibili e di maggiore intensità.

Le ricadute sul territorio rischiano di essere importanti, come testimonia quanto accaduto a Firenze, pochi giorni fa. L’elemento di imprevedibilità permane sempre, ma certo un’attenta attività di prevenzione sul territorio può ridurre rischi e disagi.

Il comune di Montelupo Fiorentino ha attivato una procedura in base alla quale, nel momento in cui la Protezione Civile Regionale lancia un allerta meteo di media gravità, vengono effettuati interventi di controllo sulle caditoie nelle zone ritenute più problematiche.

Da questa mattina gli operai comunali sono a lavoro per verificare le caditoie di Camaioni, Fibbiana, San Vito, Rio dei Bottini, Sammontana e la zona alta di Montelupo.

Si tratta di interventi straordinari che si aggiungono all’ordinaria attività di pulizia delle caditoie stradali e stasatura delle fogne, un servizio svolto da una ditta esterna che costa all’amministrazione comunale circa 34.000 € per due anni.

Gli interventi approfonditi di pulizia solitamente vengono portati a termine fra fine agosto e inizio settembre, in previsione dell’autunno e poi ripetuti diverse volte durante l’anno.

Oltre alla pulizia di caditoie e fogne è in corso un’attività di controllo e, dove necessario, abbattimento di alberi e rami pericolanti.

Pochi giorni fa sono stati tagliati i tigli che si trovavano nei giardini  Beaucaire, avranno la stessa sorte altri tigli collocati nel parco dell’Ambrogiana e in Turbone; così come alcuni pini della zona sportiva. Altri pini in via Cellini sono già stati rimossi.

I tigli, oltre ad avere radici superficiali, erano malati e i pini tendono facilmente a cadere o sono soggetti a rotture di rami per il vento. Per questa ragione le piante rimosse saranno sostituite con altre più resistenti e adeguate alle nostre zone, come ad esempio lecci.

È in corso la pulizia dei marciapiedi, un’azione volta sia a ridurre i rischi di intasamento, sia a garantire un maggior decoro: nelle ultime settimane è stata tolta l’erba da Fibbiana, Samminiatello, zona Castello; sono in corso gli interventi in zona Erta, Ambrogiana e San Quirico; poi la ditta passerà nell’area industriale delle Pratella.

«Quelli elencati sono interventi in teoria “ordinari”, ma che divengono “straordinari” in ragione di due aspetti: nonostante i problemi di bilancio riusciamo ad assicurare adeguati lavori di sistemazione e decoro della città; a tali attività programmate se ne aggiungono altre mirate in caso di allerta meteo di una certa rilevanza.

Sono piccole cose, prese singolarmente, ma nell’insieme sono elementi che possono fare la differenza in caso di piogge intense», afferma il sindaco Paolo Masetti.



Foto & video